La grande marcia per la famiglia,
promossa dal World Congress of Families
e partecipata da esponenti del governo,
ha sbagliato direzione:
negare i diritti di donne, omosessuali e transessuali
non porta da nessuna parte se non nel passato.

Riportiamoli sulla strada giusta, contro l’odio, per il futuro.